Il canto d'ingresso

«25. Quando il popolo è riunito, mentre il sacerdote fa il suo ingresso con i ministri, si inizia il canto di ingresso. La funzione propria di questo canto è quella di dare inizio alla celebrazione, favorire l’unione dei fedeli riuniti, introdurre il loro spirito nel mistero del tempo liturgico o della festività e accompagnare la processione del sacerdote e dei ministri». (Ordinamento generale del Messale Romano)

La prima tappa del percorso formativo ideato dal Coro dell'Arcidiocesi Salerno Campagna Acerno si incentra sul Canto d'Ingresso, il cui fine è quello di creare «comunione» tra i fedeli che partecipano alla celebrazione.

Il sussidio si articola in 4 sottosezioni: il riferimento dell'Ordinamento generale del Messale Romano, le caratteristiche del Canto d'Ingresso, le forme del Canto d'Ingresso, i Consigli Liturgici.

Il Canto d'Ingresso

 Stampa 

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok Rifiuta